Translate

mercoledì 7 maggio 2008

Ricordo di Federico Caudana (1878-1963) nel 100° anniversario della sua nomina come organista e maestro di cappella della Cattedrale di Cremona



Federico Caudana

(1878-1963)*


Direttore, compositore, organista ed improvvisatore, Federico Caudana nacque a Castiglione Torinese (TO) il 4 dicembre 1878. Intraprese gli studi ginnasiali all’Oratorio Salesiano di Torino dove il professor Giuseppe Dogliani lo ebbe nel suo numeroso coro e lo iniziò alla musica sacra. In seguito studiò al Conservatorio «Giuseppe Verdi» di Milano con i maestri Michele Saladino, Luigi Mapelli e Antonio Coronaro, diplomandosi a pieni voti. Durante gli studi milanesi istruì anche la Schola Cantorum e la Banda dell’Istituto Sant’ Agostino.

Nel 19071, esaminatori i maestri Luigi Cervi, Guglielmo Mattioli e Oreste Ravanello, vinse il concorso di primo organista e maestro di cappella della Cattedrale di Cremona. Per vent’anni Federico Caudana fu anche professore di canto gregoriano presso il Seminario di Cremona. Risale a quegli anni il grande sodalizio artistico con monsignor Tranquillo Guarneri, allora Rettore del Seminario. Entrambi diedero un notevole impulso alla riforma voluta dal Motu Proprio San Pio X.

Caudana non si occupò solamente di musica sacra, infatti diresse per alcuni anni la Banda della città di Cremona e la Corale «Amilcare Ponchielli». Oltre all’attività concertistica ed alla composizione dedicò anima e corpo all’insegnamento, aprendo nel 1910 a Cremona la Scuola musicale Caudana2. Fu docente di pianoforte, organo, armonia e composizione; presentò numerosi allievi ai Conservatori di Milano, Torino, Parma, Pesaro e di altre città dove ottennero diplomi di licenza e magistero.

Ottimo amico di Vittorio Carrara, Federico Caudana venne anche chiamato alla guida di diverse pubblicazioni delle Edizioni Carrara di Bergamo. Vale la pena ricordare: «Choro Italico», «Musica Orante» e «Melopea Educativa».


Apprezzatissimo per le sue straordinarie doti di improvvisatore ispirato inaugurò diversi organi costruiti da Giuseppe Rotelli, se ne citano solo alcuni:


- 1908 Villastrada (MN)

- 1909 Cassano d’Adda (MI), organo collaudato insieme ai maestri Felice Bassi, Giuseppe Castellazi, Giuseppe Fugazzola, Giuseppe Ramella e Camillo Viganò.

- 1910 Stilo de’Mariani (CR)

- 1914 Sant’Imerio (CR), organo collaudato insieme a Tranquillo Guarneri.

- 1933 Sant’Agata (CR)



Si spense a Castiglione Torinese il 29 luglio 1963.


Tra le composizioni vocali edite di Caudana si possono annoverare: 11 Messe da Gloria, 7 Opere teatrali per la gioventù, 64 Canti eucaristici, 59 Canti mariani, 33 Canti natalizi, 70 Canti vari. Tutte le sue composizioni organistiche edite sono raccolte in «Concentus Ecclesiae», «L’Organista al Vespro» e in diverse riviste musicali Carrara.



BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE


Silvia Caudana, Federico Caudana o della professione musicale, Tesi di Laurea in Lettere, Facoltà di Lettere e Filosofia, Torino A. A. 1974-75.

Paolo Bottini ha recentemente curato la catalogazione del corpus musicale di Federico Caudana, depositato presso la Biblioteca Statale di Cremona. Egli ha altresì curato l’edizione integrale dell’epistolario Caudana-Carrara e Caudana-Picchi; cfr. Bottini, P. (2007), Federico Caudana – Vita e opere di un musicista tra professione e vocazione, «Bollettino Storico Cremonese», 13-14, pp. 205-414.

.


_____________________


* Il presente contributo è tratto da Michele Bosio, La premiata fabbrica d’organi di Giuseppe Rotelli a Cremona (1894-1937), Tesi di Laurea in Musicologia, Università degli studi di Pavia, A. A. 2003-2004, pp. 148-149

1 Le prove di esecuzione organistica si tennero sull’organo Giuseppe Rotelli (1901) della Chiesa dei Reverendi Padri Barnabiti di San Luca. La motivazione di tale scelta era stata dettata dalla mancanza in Duomo a Cremona di un organo con la pedaliera «liturgica» (27 note), cioè non corta (12 note). Cfr. Archivio dei Reverendi Padri Barnabiti di S. Luca, Acta Collegii cremonensis S. Lucae, Libro II. Da esso si può leggere: «1907, Luglio 11. Oggi e nei due giorni successivi si eseguiscono, a porte chiuse, le prove di concorso al posto di Maestro d’organo della Cattedrale».

2 La Scuola Caudana era dotata di un organo elettrico a due tastiere costruito da Giuseppe Rotelli e di due pianoforti costruiti da Pietro Anelli. Cfr. U. M. Scuola musicale Caudana in «L’Azione», VI (1910) n. 33, pg. 2.


Referenza fotografica

Nessun commento: